Una agenda accessibile da Google Calendar, Thunderbird, Windows Mobile e AspireOne Linux

(questo è un aggiornamento di un post già pubblicato il 27/9/2008)

Ecco come allestire una agenda degli appuntamenti e poterla consultare ed aggiornare da un web browser, da Thunderbird (cliente di posta elettronica open source, disponibile su pc Windows e su Linux) e da un palmare Windows Mobile.

In Google Calendar:

  • creo un calendario unico su cui appuntare tutti i miei appuntamenti e l’ho chiamato “Mio Calendario”
  • Nella colonna sinistra di Google Calendar, clicco su “Impostazioni”, poi “Mio Calendario”, poi clicco sulla icona XML nella riga “Indirizzo Calendario” e leggo l’indirizzo del calendario (qualcosa del tipo http://www.google.com/calendar/feeds/USERNAME/ECC. ECC.

Sul pc Windows con Thunderbird:

  • installo l’add on Lightning (che aggiunge le funzionalità di agenda di SunBird dentro Thunderbird) , prelevandolo dal sito Thunderbird Add Ons
  • installo l’add on Provider for Google Calendar prelevandolo dallo stesso sito, che aggiunge a Lightning di accedere a calendari Google
  • In Thunderbird – Lightning, accedo alla sezione Calendari (menù Vai – Calendario) ed aggiungo un nuovo calendario chiamandolo per semplicità anch’esso “Mio Calendario”, di tipo “di rete” – “Google Calendar”, digito l’indirizzo XML del calendario Mio Calendario e fornisco le mie credenziali (username password) di utente Google.
  • Per forzare la sincronizzazione tra Thunderbird e Google Calendar, clicco col pulsante destro sul “Mio Calendario” in Thunderbird e seleziono “Ricarica Calendari Remoti”. Thunderbird comunque provvedere a sincronizzare periodicamente i due calendari.

Sul netbook con Linux4One e Thunderbird:

  • poiché gli add on Lightning e Provider for Google Calendar di Thunderbird sono disponibili anche per Linux, le istruzioni sono le medesime che per il pc Windows. Ciò grazie al fatto che Thunderbird è multipiattaforma (provate con Outlook se ci riuscite!)

Sul palmare Windows Mobile:

  • installo la versione gratuita di OggSync (*)
  • In OggSync configuro le credenziali di accesso a Google Calendar e scelgo come unico calendario da sincronizzare “Mio Calendario” (la versione a pagamento consente di sincronizzare più calendari e la lista dei contatti ma agli scopi di questo post basta la versione gratuita)

Da Web Browser

(*) Per scegliere OggSync ho provato i seguenti prodotti, di cui riporto l’esito delle prove, invitando comunque tutti a verificare in quanto le limitazioni qui evidenziate potrebbero dipendere da errori miei o limiti del mio palmare o dall’uso di versioni non aggiornate. La seguente tabella non costituisce un giudizio sui prodotti ma riporta solo l’esito di prove personali senza alcuna pretesa di completezza ed accuratezza:

PRODOTTO LICENZA LIMITI
SyncMyCalMobile limitata funziona ma limita la visibilità della sinronizzazione in avanti a soli 3 giorni
OggSync versione free la versione free funziona solo con un calendario; al primo avvio ha perso la configurazione di Mio Calendario, una volta ridata funziona; non ha limiti sulla finestra temporale esaminata ma è limitabile a piacere
GooSync lite chiede di passare attraverso il loro server, che provvede a mediare con Google Calendar; la lite è un trial che dura solo 7 giorni
GMobileSync open source nelle prove ha duplicato gli eventi sul calendario locale e segnala un errore finale
The Missing Sync pagamento per Mac
Google Calendar Sync gratuito per Microsoft Outlook
Google Sync gratuito prende possesso di ActiveSync sul palmare e quindi sembra incompatibile con la normale connessione al pc, in quanto pensato per teleofoni basati su Windows Mobile e non per palmari

Il video on demand della Rai sul tuo palmare

La Rai mette a disposizione come video on demand una ampia collezione di trasmissioni, col piccolo difetto che non presenta alcun metodo per scaricare i filmati e guardarseli in santa pace (sul pc o sul palmare) senza rimanere connessi a internet.

A questo scopo è possibile usare il solito FlashGet già descritto in questo articolo. Installato FlashGet resta il problema di conoscere l’indirizzo del filmato, da dare in pasto a FlashGet. Con un po’ di pazienza questa informazione è in realtà recuperabile, la tecnica la mostro con un esempio.

  • Volendo recuperare la puntata di Report sulla Buconero S.p.A. si va sulla pagina del filmato e con Firefox si accede a “Strumenti – informazioni sulla pagina”.
  • Nel tab “Media” si cercano i contenuti di tipo “incorporati”, trovandone uno cui corrisponde un indirizzo lungo e complicato, nel nosro esempio:

/mpASX/0,1067333,sottosezione%253D%2526path%253Dmms%253A%252F%252Frntlivewm%255Erai%255Eit%252Fraitre%252Freport%252Freport28102007_buconero%255Ewmv%2526sezione%253Dautopromo,00.html

  • selezionatelo tutto e copiatelo in Flashget
  • prima di lanciare il download, bisogna fare un po’ di magia: buttate via tutto quello che precede la stringa “mms”; dopo “mms” scrivete “://” e buttate via tutto quel che precede “rntlivewm”, poi sostituite tutte le sequenza “strane” con “.”, buttate via tutto quel che segue “wmv” e otterrete la seguente stringa, molto più comprensibile e che punta proprio al filmato:

mms://rntlivewm.rai.it/raitre/report/report28102007_buconero.wmv

  • dite a FlashGet di tirar giù questa pagina e avrete il filmato sul vostro pc, guardabile anche sul palmare con TCPMP magari dopo averlo ridotto di dimensioni con PocketDivxEncoder (per questi due programmi vedi questo articolo).

YouTube sul palmare

PocketPc TCPMPE dopo aver spiegato come guardare film e trasmissioni tv sul palmare, eccoci ai filmati YouTube ed, in generale, i filmati e presentazione in formato Flash. Nelle notizie sopra citate ho spiegato come installare l’impagabile TCPMP, player (quasi) universale per il pocket pc. Per estendere TCMP alla visualizzazione dei filmati Flash, bisogna una tantum:

  • scaricare questi plugin
  • copiarli nella directory in cui è installato TCMP sul palmare
  • resettare la macchina
  • entrare in TCPMP, Impostazioni, Associazioni File e accendere la voce “Flash”

Per prelevare i filmati YouTube suggerisco di usare il servizio KeepVid, che scarica su file i filmati YouTube e di altri 30 siti analoghi. Ecco come fare:

  • entrare nel sito KeepVid
  • copiare nella form l’indirizzo completo del filmato di Youtube (es. http://youtube.com/watch?v=YTBIflteCGQ)
  • cliccare Download
  • scaricare il file e cambiargli nome e estensione, es. dal nome fisso “getvideo” a “CapoSudEst.flv”. L’estensione deve essere messa a “.flv”

A questo punto basta copiare sul palmare il file flv così ottenuto, aprire TCPMP e selezionare il file.

Videoregistra la tv (senza videoregistratore) e guardala sul palmare

VCast mette a disposizione gratis un servizio di videoregistrazione programmabile (anche nel passato, per un paio di giorni!) che mette su file il programma TV che non puoi vederti in diretta. Il formato è compatibile con iPOD ma anche con i viewer multimediali dei palmari, ad esempio il già citato TCMP. Quindi:

  1. fai videoregistrare il tuo programma da VCast (in anticipo o anche in ritardo) e scaricalo sul pc. Se intendi guardarlo su pc conviene registrarlo in formato AppleTV (ottenendo un file piuttosto grande); se invece lo guarderai sul palmare o su iPOD puoi scegliere il formato iPOD o 3GP (ottenendo un file molto più piccolo ma di qualità inferiore però probabilmente sufficiente per il piccolo schermo su cui lo guarderai).
  2. Se il file è trippo grande e non ci sta sul palmare, riducilo con PocketDivXEncoder. (attenzione che su Windows Vista dà problemi)
  3. scaricalo sul palmare via ActiveSync
  4. goditi il programma con TCMP in metropolitana o dove vuoi.
  5. se TCMP segnala problemi con l’audio, prova ad installare questo decoder (non installato di default per questioni legali)

T9 sul palmare ovvero come scrivere testi con un solo dito

Se sei abituato ad usare il T9 sul telefonino e non riesci a scrivere velocemente come vorresti con la tastierina virtuale del palmare, installa PhonePad e avrai a disposizione un ulteriore metodo di input dei testi: il T9 appunto, con tasti abbastanza grandi da poter essere cliccati con un solo dito.

Funziona in tutti i programmi in cui è possibile richiamare la tastiera virtuale quindi ad esempio anche in Pocket Word. Per farlo funzionare in italiano occorre entrare nelle opzioni della tastiera, selezionare la sezione “PhonePad” e scegliere la lingua italiana.

PhonePad è un software prodotto da HTC, che funziona benissimo anche sul mio palmare iPAQ che nasce con tante cose a bordo ma non con un T9 built in (chissà perché, vista l’enorme diffusione di questo sistema di digitazione …)

Un sistema furbo per inserire testi velocemente, senza usare il pennino e senza dover addestrare te stesso a nuove modalità di scrittura.

Guardare film sul palmare

Da quando mi hanno regalato il palmare (un iPAQ rx5935 con GPS, WiFi e Bluetooth) mi sto divertendo a scoprire cosa ci si può fare oltre alla classica agenda (e nel mio caso, navigatore). Uno dei filoni di prova che sto esaminando è l’uso del palmare come stazione multimediale tascabile. La riproduzione degli MP3 è scontata e garantita dalla presenza di Windows Media Player preinstallato. La riproduzione di film è invece una piccola sfida per due motivi: l’assenza di un player che legga i file DIVX e i limiti di memoria.

Ho provato un po’ di player (es. “Pocket DivX Player”) , riscontrando spesso problemi di stabilità, poi sono arrivato a TCPMP, che sto usando con grande soddisfazione: stabile, veloce, con parecchie funzionalità per aggiustare la qualità dell’audio e del video. L’unico problema è … trovarlo: TCPMP era un freeware diventato commerciale. Ma se non ci arrende subito e si cerca con Google “pocket tcpmp” in qualche sito tipo PDAgold si trova ancora nella versione gratuita.  Con alcuni file MP4 TCMP segnala l’assenza di un decoder audio AAC, non compreso nel pacchetto base per questioni legali e se non riproduce l’audio del filmato basta installare questo decoder.

Per ridurre il file DIVX in un formato e dimensioni compatibili con il palmare raccomando PocketDivxEncoder, veramente facile da usare. Un classico film in DIVX da 700 MB scende a 150 MB, diventando così caricabile nella memoria del palmare e scalato al numero di pixel giusto. La vera difficoltà è stato copiare il file sul palmare perché ActiveSync tende a diventare inefficiente con file così grandi (col mio palmare potrei caricare il file via scheda SD) … L’effetto finale è godibile, soprattutto girando di 90° lo schermo ed aggiunge una ulteriore giustificazione all’acquisto del palmare.

Connessione a internet da palmare + telefonino

Supponiamo che il telefonino sia già configurato per andare in internet con wap. Di solito per arrivare a questo risultato basta andare sul sito del proprio fornitore telefonico che sarà lietissimo di mandarti un SMS con tutta la configurazione necessaria.A questo punto sul palmare dovrebbe bastare creare una connessione usando il modem giusto (e cioè il device bluetooth inconporato nel palmare, altro device se è connesso in qualche altro modo) e, come parametri della connessione dare come “numero di telefono” la mitica sequenza

**99**1#

(che da quel che capisco è il “numero di telefono” da chiamare per connettersi via GPRS) e specificare come stringa di comandi l’altrettanta mitica sequenza

+cgdcont=1,”IP”,”ibox.tim.it”,,0,0

(dove ovviamente ibox.tim.it cambia se il provider non è TIM; se avete Vodafone cercate con Google la stringa es. “cgdcont apn vodafone”). Facile no ?

Sì, tranne che a mie spese ho scoperto che ogni tanto ci sono piccole varianti che fanno perdere ore e ore in tentativi e quindi ecco qui il mio cent di esperienza:

  • come detto in un angolino nascosto sul sito TIM, se si tratta di telefonino Sony Ericcson sostituire in entrambe le stringhe “1” con “9” e quindi diventano rispettivamente “**99**9#” e “+cgdcont=9,”IP”,”ibox.tim.it”,,0,0″
  • spesso sui palmari si trovano software come BT Phone Manager che preparano tutto loro tranne la sequenza finale “,,0,0” che invece ho scoperto essere spesso necessaria

Per i curiosi su cosa significhi la seconda mitica sequenza, ecco qua (estratto da questa fonte):

Continua a leggere