Ascoltastorie

ascoltastorie100 (1)Durante la mia lunga assenza da questo blog, una delle cose che ho realizzato è il sito Ascoltastorie, dedicato a chi ama ascoltare di cultura, scienza, storia, musica, letteratura mentre si è in viaggio.

Il sito è una raccolta di file mp3 liberamente ascoltabili su internet in lingua italiana, offerti dalle principali radio nazionali (Rai, Radio 24) ed estere in italiano (RSI), ma anche da università, associazioni e singoli. Il vantaggio di questo sito è che titoli e descrizioni sono cercabili e quindi è facile trovare rapidamente una o più “storie” relative ad un argomento. Inoltre i file sono scaricabili con un click, permettendo quindi di goderne anche quando non si dispone di una connessione. Il sito è foraggiato giornalmente da una trentina di canali RSS e quindi tutti i giorni si possono trovare novità. Ad oggi ci sono circa 7500 storie, con una durata media di mezz’ora l’una.

Il sito è ottimizzato per la consultazione da smartphone, permette di commentare le storie via Facebook e di condividerle via Google+, Twitter e FB.

L’ho realizzato con Drupal 7.

 

Cultura da ascoltare (e scaricare) con Wikiradio

wikiradio

Orfano di Alle 8 della sera, cioè della possibilità di ascoltare monografie storiche, scientifiche ed artistiche durante i viaggi in auto o metrò, ho con gran piacere scoperto Wikiradio di Radio Rai, che mette a disposizione centinaia di monografie di una ventina di minuti l’una, liberamente scaricabili in mp3 dalla pagina di podcast.

Volendo condividere questi contenuti nel proprio blog (senza scaricarli), basta cliccare col pulsante destro su “Scarica” e copiare l’URL del file mp3. Nel caso di WordPress.com (che ospita il mio blog) basta poi racchiudere l’URL in questo modo:

[_audio_http://www.radio.rai.it/podcast/A42653132.mp3_]

sostituendo i “_” con spazi. Ed ecco il risultato:

Sul sito di Rai Radio si trovano anche gli archivi della serie Rosso Scarlatto, dedicata a temi di attualità e più controversi, purtroppo in formato .ram (Real Player) e quindi scaricabili e condivisibile con maggiori difficoltà. Per scaricarlo e tradurlo in un solo passaggio (e senza installare nulla) si può utilizzare il servizio online Zamzar

Radio in wordpress.com

Con la stessa logica con cui si possono includere in wordpress.com filmati e musica (cioè passando per siti “amici” di cui wordpress.com si fida, quali vodpod e gigya), proviamo ad inserire in questo post una radio che trasmette su internet.

Ad esempio Radio 101. Esaminando la pagina web della radio (con la funzione “Informazione pagina” di Firefox è abbastanza semplice) ho trovato che l’indirizzo cui si trova lo streaming è questo:

http://www.r101.it/player/swf/radio_streaming.swf

IL suffisso .swf fa ben sperare perché identifica uno streaming in formato flash e il servizio gigya accetta appunto formati flash. Perciò, “incapsulo” lo streaming flash di Radio 101 “dentro” gigya con questa sintassi (lo spazio tra la parentesi quadra e la parola gigya va tolto se vuoi copiare questa stringa di caratteri nel tuo sito wordpress.com; qui l’ho messo solo x evitare che wordpress.com lo trasformasse in un player radio e non facesse vedere la stringa in chiaro):

[ gigya src=”http://www.r101.it/player/swf/radio_streaming.swf”%5D

ed ecco il risultato: un player che trasmette Radio 101!

L’unico problema è che mi parte automaticamente.

Stessa operazione per Radio 105. La stringa originale è:

http://www.105.net/swf/player_webradio_3.swf?cnnl=0&streamRadio=105Radio&titoloRadio=Radio%20105%20FM&buffertime=2&logo=105_fm.jpg&spiega=0&autoplay=1

Buttata “dentro” gigya e sostiuendo l’1 finale con 0 per evitare che parta automaticamente diventa:

Rai, ridacci Alle Otto delle Sera !

Io sono un affezionato ascoltatore della trasmissione radiofonica  “Alle otto della sera“, che considero una delle poche occasioni di divulgazione culturale e scientifica alla portata di tutti, insomma uno dei rari prodotti di qualità della Rai, di cui sono cliente in quanto abbonato e pagatore regolare delle tasse. Improvvisamente e senza un perché, a settembre Rai ha chiuso la trasmissione.

Stimolato da alcuni visitatori di questo sito, ho deciso di aprire una petizione su Firmiamo.it per sollecitare Rai a riaprire “Alle otto della sera”. Se anche tu apprezzi questa trasmissione o semplicemente se ritieni che tra i compiti di Rai in quanto pubblico servizio ci sia anche la divulgazione culturale e scientifica, ti invito a sottoscrivere la petizione all’indirizzo

http://www.firmiamo.it/alleottodellasera

Fai conoscere questa petizione ai tuoi amici e pubblicizzala sul tuo sito.

Riascoltare le puntate di Alle otto della sera

Tempo fa avevo trovato il modo di scaricare dal sito della Rai le puntate radiofoniche di Alle otto della sera, interessante serie di monografie storiche e culturali trasmesse appunto alle 20, un orario per me scomodo. Scaricandole e trasformandole in mp3 è possibile ascoltarle comodamente in altri momenti, ad esempio mentre si viaggia coi mezzi pubblici o in auto. Tutto ciò naturalmente sotto l’assunto che si sia in regola con il pagamento dell’abbonamento Rai.

Da qualche mese il sito ha cambiato formato di archiviazione e trasmissione, con l’adozione del formato Real. L’ultimo player Real include la funzione di download ma che però non funziona con le puntate di Alle otto della sera. Utilizzando Mozilla Firefox e FlashGot è però possibile procedere al download. Ecco come:

  • Andate sulla pagina della monografia che vi interessa (es. “Oro Bianco“)
  • Lanciate in ascolto la prima puntata, cliccando sul corrispondente link; si apre una finestra secondaria, contenente il player Real
  • Lasciate partire la riproduzione della puntata
  • Dopo qualche secondo di riproduzione,  posizionare il cursore sulla finestra secondaria e cliccare con il pulsante destro del mouse

Se nel menù che appare c’è la voce “FlashGot Media (1)”:

  • cliccare su di essa; appare una finestra di FlashGot intitolata “Aggiungi un nuovo scarico”
  • in essa cliccare il bottone “Conferma”; parte così il download della puntata

Se invece non c’è la voce  “FlahsGot Media (1)”:

  • cliccare sulla voce “Visualizza Info Pagina”
  • nella finestra “Informazioni Pagina” cliccare su “Media”
  • scorrere l’elenco “Indirizzo” fino a trovare la riga che inizia con “http://www.radio.rai.it//radio2/alleotto/”e di tipo “Incorporato”
  • nella riga “Indirizzo” cliccare col pulsante destro del mouse e scegliere “seleziona tutto” e poi “copia” per selezionare l’indirizzo completo della puntata. Nell’esempio, l’indirizzo della prima puntata di Oro Bianco è http://www.radio.rai.it//radio2/alleotto/orobianco//archivio_2008/audio/orobianco2008_09_22.ram
  • Aprire la finestra di FlashGet
  • Cliccare su “Nuovo” e confermare l’indirizzo copiato; parte così il download.

Una volta scaricate una per una le puntate, per convertirle da formato Real a formato mp3 si può utilizzare Jodix Free RM to MP3 Converter.

Registra gli stream Real in file mp3

Su internet sono disponibili stream audio interessanti: al di là delle webradio e della musica, ci sono siti come la Rai o la BBC che mettono a disposizione gratuitamente interi cicli di trasmissioni culturali o di svago che sarebbe bello poter ascoltare non restando necessariamente incollati al pc, ad esempio utilizzando un lettore MP3 portatile.

Spesso però queste trasmissioni sono diffuse via stream Real e i normali software di ascolto di questo formato (es. Real Player) non consentono di registrare su file quanto si sta ascoltando. Ma ci sono almeno tre modi per registrare su file Mp3 gli stream Real. I primi due li ho provati personalmente con grande soddisfazione, il terzo l’ho trovato descritto in un sito.

Il metodo che uso oggi è basato su FlashGet, (se il link non funziona usa quest’altro) un programma che provvede a fare il download di qualunque file da internet; tra le sue funzionalità c’è appunto anche quella di scaricare su file uno stream Real Player (l’ultima versione dichiara di fare il download anche di file Flash e quindi potrebbe essere in grado di scaricare anche giochi e filmati YouTube …). Il suo uso è semplicissimo: una volta catturato l’URL dello stream basta aggiungerlo nella finestra di FlashGet, che parte a scaricarlo su file ottimizzando l’uso della rete, quindi con tempi di download molto più rapidi. Una volta scaricato su file, lo stream è in formato Real e deve quindi essere convertito in Mp3. Consiglio a questo scopo l’utility gratuita Jodix Free RM to Mp3 Converter. Questo metodo funziona anche con Windows Vista. Inoltre FlashGet è usabile anche ad altri scopi.

Precedentemente usavo un altro metodo basato sulla utility freeware Real7ime : dandole come input l’URL dello stream Real, Real7ime “ascolta” lo stream e lo trascrive su un file WAV. A questa utility servono alcune librerie che vengono installate con il RealPlayer ufficiale, che quindi deve essere installato sul computer. Poiché mima un lettore Real Player, Real7ime impiega a scaricare il file esattamente lo stesso tempo che servirebbe per ascoltarlo (quindi ad es. 15 minuti se la trasmissione ha quella durata, non importa se la rete consentirebbe un download più veloce); se si devono scaricare più stream, conviene lanciare più copie di Real7ime in esecuzione contemporaneamente (sono riuscito a farne andare max 4 per volta). Una volta scaricato l’intero stream su file, occorre convertirlo da WAV a MP3 usando ad esempio Wav2mp3 che può convertire più file uno dopo l’altro.

Ho usato questo metodo a lungo ma ma presenta un paio di difetti: è lento e Real7ime sembra non funzionare con Windows Vista (e purtroppo il mio nuovo notebook è arrivato con questo sistema operativo).

Esiste infine un terzo metodo che consiste nell’usare Audacity per catturare su file lo stream mentre lo si ascolta. Audacity è infatti in grado di scaricare su file qualunque suono emesso dalla scheda audio del pc. E’ quindi un metodo più generale dei precedenti, perché permette ad esempio di scaricare su file file musicali di qualunque provenienza o formato e anche le registrazioni vocali da microfono. Immagino che ci sia il rischio di registrare anche suoni casuali come i vari “ding” di Windows. ma non ho provato.

“Raccontami una Storia”

Raccontare una storia, anzi raccontare la Storia, quella con la S maiuscola, operazione difficile: molti di noi si ricordano la noia di fronte ai lunghi elenchi di date, re, battaglie snocciolati dai testi di scuola. Per tornare (o imparare) ad apprezzare la Storia, raccomando gli splendidi racconti di Storia della trasmissione “Alle 8 della sera” di Rai Radio 2. In una ventina di puntate da 20 minuti l’una un esperto racconta un episodio o un personaggio storico: sono monografie solitamente fatte molto bene, da persone competenti, che sanno mescolare il dato storico con qualche aneddoto ma soprattutto – partendo dall’argomento specifico – sanno collegarlo con altri eventi storici, ricostruendo così il contesto e quindi il senso di quanto accade e spesso rivelando legami inaspettati tra personaggi e civiltà apparentemente distanti tra loro. Insomma, vere e proprie lezioni di Storia da cui si esce avendo imparato realmente qualcosa.

Ad esempio, le puntate su Attila rivelano inaspettate parentele tra il capo unno e la corte imperiale romana cambiano radicalmente la tradizionale e falsa nozione di un barbaro apparso all’improvviso ai confini dell’impero; nelle puntate sulla battaglia di Adrianopoli emerge che la prima traduzione della Bibbia dal greco non fu in latino ma in gotico, a cura di Ulfila, principe goto convertito al cristianesimo e fatto vescovo (l’immagine qui a fianco è la riproduzione di una delle pagine di questa Bibbia).

Le puntate sono disponibili in formato Real e sarebbero da ascoltare stando connessi ad internet, ma con questa tecnica , si possono scaricare e trasformare in MP3, potendo quindi poi ascoltarsele comodamente dal proprio lettore ad esempio mentre si va al lavoro. Queste tecniche richiedono di conoscere l’URL dello stream Real, che però non è visibile. Come fare ? Ecco un trucco che funziona con Firefox:

  • andare sulla pagina del ciclo di puntate desiderato
  • cliccare sulla prima puntata per lanciarne l’ascolto
  • nella finestra in cui appare il lettore Real cliccare con il pulsante destro e scegliere il comando “Visualizza info pagina”
  • Far scorrere il contenuto della riga “Indirizzo” fino a trovare la stringa “Q_CANALE”; tutto quello che segue è l’URL dello stream Real, da copiare per gli usi successivi:

http://www.radio.rai.it/player/player.cfm?Q_CANALE=http://www.radio.rai.it//radio2/alleotto/annibale…

Le stesse istruzioni sono illustrate da questo video: